Egitto... terra di due cretini

Cipro, la Grecia o le isole spagnole dell'Atlantico... queste erano le possibilità mie e di Luchino per le nostre vacanze autunnali, ma alla fine siamo stati rapiti dall'Egitto. Così tre giorni prima della data della partenza abbiamo prenotato... due persone, una settimana, all'Holliday Inn di Sharm el Sheikh. Volo diretto dalla Malpensa ed in poche ore siamo passati dai 9 gradi di Milano ai 34 del Mar Rosso... ed erano le sei di sera!!!! 

Le giornate erano tutte piuttosto simili, ma tutte molto rilassanti: sveglia verso le 10, abbondante colazione (l'unico pasto decente) e poi via a rilassarci qualche ora sulla piccola ma splendida spiaggia affacciata sul paradisiaco Mar Rosso... meta obbligata degli amanti del diving, ma anche, più semplicemente, di coloro che vogliono godersi una splendida barriera corallina ed un'infinità di coloratissimi pesci. Verso le 13.30 pranzavamo (se mangiare due pomodori ed un po' di formaggio si può chiamare pranzo) e poi di nuovo in spiaggia.

In questo periodo le giornate durano poco, verso le 16 il sole sparisce dall'orizzonte, per cui la doverosa pennica la si faceva verso le 17. E dopo la magra cena tiravamo tardi nel centro di Naama Bay. Spesso ci incontravamo con Diego, ex collega di Luchino che ci ha portati a scoprire i locali più belli, come il Camel e il Bus stop, o semplicemente quelli che al posto delle sedie hanno dei cuscini buttati per terra. Divertente era contrattare con gli egiziani... e si contrattava su tutto, dal taxi ai souvenir, dalle bibite alle cartoline.

Per venerdì 18 ci eravamo ritagliati l'escursione più affascinante... quella a Il Cairo!! Partenza ore 1.30 e dopo sei ore, 500 chilometri, il tunnel sotto il canale di Suez e svariati check point arriviamo nella capitale dell'Egitto. E' mattina presto e dalla nostra prima tappa, la Cittadella di Saladino, scorgiamo avvolta nella nebbia (che poi scopriamo essere smog) questa città popolata da più di 18 milioni di persone. Visitiamo questa roccaforte e la moschea che c'è all'interno. La nostra guida Samy ci spiega tutto sulla sua storia, su ciò che rappresenta e sulla religione musulmana, sui suoi riti, sui cinque principi su cui si fonda.

 

La tappa successiva è quella del più grande museo Egizio del mondo. Ci saranno state diecimila persone e nelle sale si trovano tutti gli oggetti di uso comune dell'antica vita egizia, ma anche e soprattutto quanto veniva posto accanto al sarcofago del faraone per garantirgli un tranquillo passaggio nell'altra vita. I reperti sono ormai stipati, per non dire ammucchiati, in ogni dove (infatti è in costruzione una sede più idonea vicino alle piramidi) e fra loro si trovano alcune fra le meglio conservate mummie ed il favoloso tesoro di Tutancamon, con la sua famosissima maschera d'oro.

Ultima, ma obbligatissima fermata è Giza, con le tre piramidi e con l'enigmatica sfinge. Abbiamo visto l'enormità di queste costruzioni, ma anche la perfezioni con cui sono state fabbricate. Ci è stato spiegato il perché della loro forma piramidale e la storia... ed abbiamo avuto la possibilità di entrare in una di esse. Dopo una angusto passaggio (non sarà stato più alto di un metro) di circa 30 metri siamo arrivati nella sala della tomba del faraone Kefren, dentro non c'è praticamente nulla ma almeno possiamo raccontare di esserci sdraiati nel sarcofago di un re dell'antico Egitto.  

 

Poco più in basso rispetto le piramidi c'è la sfinge. Quest'opera è in parte rovinata dal tempo ma solo le zampe anteriori sono state ristrutturate. Sotto di essa si trovano tutte le stanze in cui si procedeva a quel complesso processo di mummificazione di animali e uomini. Questa costruzione, in parte animale ed in parte uomo sembra quasi posta o a guardia delle tre più famose tombe del mondo. Verso le 19 siamo ripartiti alla volta di Sharm... e verso le 23.30 il nostro viaggio si è concluso.

Sabato abbiamo fatto un giretto (di 5 ore!!) con i quad ed abbiamo visto uno degli spettacoli più affascinanti della terra.... il tramonto nel deserto!! Abbiamo sorseggiato del the in un accampamento beduino ed urlato il nostro nome nella valle dell'eco. Abbiamo corso con le nostre moto avendo come strada l'immensità del deserto egiziano e come traguardo l'infinito.

 

Sharm el Sheikh... spiagge, fondali e... tramonti

Egitto - Mare.jpg (49824 byte)    Egitto - Mare2.jpg (45973 byte)    Egitto - Spiaggia1.jpg (51770 byte)    Egitto - Spiaggia3.jpg (62173 byte)

Egitto - Sub1.jpg (56578 byte)    Egitto - Sub2.jpg (57667 byte)    Egitto - Sub4.jpg (37579 byte)

Egitto - Tramonto.jpg (38818 byte)    Egitto - Tramonto2.jpg (24975 byte)    Egitto - Deserto4.jpg (63391 byte)

 

Il Cairo

Egitto - Cittadella1.jpg (42673 byte)    Egitto - Cittadella3.jpg (38739 byte)    Egitto - Cittadella4.jpg (46764 byte)    Egitto - Il Cairo.jpg (42556 byte)

Egitto - Il Cairo2.jpg (31100 byte)    Egitto - Il Cairo3.jpg (44759 byte)

 

Il museo

Egitto - Museo1.jpg (52577 byte)    Egitto - Museo2.jpg (70595 byte)    Egitto - Museo3.jpg (54544 byte)

Egitto - Museo4.jpg (54019 byte)    Egitto - Museo6.jpg (54036 byte)

 

Le Piramidi di Giza

Egitto - Giza1.jpg (32449 byte)    Egitto - Giza2.jpg (62100 byte)    Egitto - Giza9.jpg (57477 byte)    Egitto - Giza6.jpg (35918 byte)

Egitto - Giza4.jpg (55011 byte)    Egitto - Giza5.jpg (55291 byte)    Egitto - Giza8.jpg (31946 byte)