Sharm el Sheikh... tra Rimini e Riccione


Premessa

 

Venerdì 15 ottobre, ore 7.04 del mattino. Ancora una volta tocca a me. Problemi di budget e difficoltà di accordo stavano per far saltare una vacanza di cui avevo proprio bisogno. Avevo 3 settimane libere e nessuna meta... mi andava bene ovunque tranne che restare a casa. Un click e... Sharm el Sheikh, 5 stelle a 400 euro, io prenoto!

Domenica 17 ottobre, ore 7 del mattino, a 48 ore dalla prenotazione siamo già in volo verso il caldo dell'Egitto.

Ad accoglierci ci sono le hostess Phone & go (avevate mai sentito parlare di questo Tour Operator?? Beh, vi auguro di non sentirlo più)... due tipe carine. Ci spiegano usi ed abitudini del nostro villaggio e ci portano al "Sea Life"... complesso di recente costruzione e pregno di un lusso fasullo... in pratica come tutti i villaggi del Mar Rosso.

Andare al mare, in un villaggio e soprattutto in un posto pieno di italiani non è mai stata la mia vacanza ideale... ma pur di andare da qualche parte, pur di stare con i miei amici avevo accettato anche questo... in fondo saremmo stati tutti assieme e ci saremmo divertiti lo stesso!! O almeno così pensavo...


Gli amici

 

               

Quattro veri amici... amici che mai avrebbero discusso per una vacanza... amici che avevano come unico obbiettivo quello di rimanere insieme, sempre insieme, ovunque si trovassero!! O almeno era così prima di di questa vacanza.

Luchino: All'inizio doveva venire, poi ha (quasi) cambiato idea, poi ci ha detto di sì, poi no, poi sì, poi no, poi sì... e poi, alla fine, è venuto anche lui.

Marco: Voleva fortemente la vacanza meno cara, ma se la meno cara era alle Canarie allora non gli andava bene, voleva Sharm perché a Cortina (dove sanno tutto) i suoi nuovi amici (che appunto sanno tutto) gli avevano detto che il Mar Rosso è bello e Tenerife è una merda... insomma voleva Sharm, voleva spendere poco, o magari meno.

Fabio: Meno si spendeva meglio era, ma 400 euro per una settimana gli sembravano ancora tante... ma quanto volevi spendere? 50 euro?? Fabio hai due alternative.. o una settimana in tenda sul Piz Meda o 15 minuti a Salorno...

Luca: Bello, bellissimo, con un fisico da paura (il sito è mio e ci scrivo quello che mi pare), pronto ad adattarsi a tutto pur di stare con gli amici... e per loro pronto ad immolarsi in una settimana che prevedeva brutta e che sarà peggio!


Il ring

 

               

Il "Sea Life" di Sharm el Sheikh è esattamente come il villaggio che gli sta in parte (per citare il modo di parlare del mio idolo) e a quello che sta in parte a quello che gli sta in parte e a quello che sta in parte a quello che sta in parte a quello che gli sta in parte (potrei andare avanti all'infinito, tanto lo spazio web è illimitato, ma smetto perché ho già il mal di mare). Piccole costruzioni con 5/6 camere ognuna, un grande corpo centrale con ristorante, reception e negozietti vari, 1, 2, 5 piscine, e poi bar e animation point sparsi un po' a caso. La gente? Anche qui è uguale a tutti i villaggi vacanze del mondo... e siamo pieni di ingiallite coppiette di mezza età che mettono in mostra qualche chilo di troppo e che dopo una settimana di schifezze al buffet partono con una taglia in più. Di famiglie con al seguito ragazzine di 15/16 anni che al villaggio lasceranno la verginità, il più delle volte nelle mani dell'animatore più abbronzato che belloccio, più rompiballe che simpatico, che le ama tantissimo ma di cui fatica a ricordarne il nome. Di donne sole, perché il fidanzato non aveva le ferie in quel periodo, ma che in camera tengono orgogliosamente nota di tutte le conquiste. Di gruppi di amici che vorrebbero emulare le suddette ragazze ma che poi tornano a casa a mani vuote e p**** piene! Insomma questo è il tipico villaggio del Mar Rosso.

               


La sfida

 

La vacanza di Luca: sveglia (ed inizia un altro giorno!!!), colazione (abbondante, è l'unico pasto buono), piscina (che palle), pranzo (che schifo), pennica (e speriamo di dormire fino a domani), cena (ancora pasta!!!) e dopocena (voglio andare a dormireeee).

La vacanza di Fabio: sveglia (non ho dormito un cazzo.. il Cico ha russato tutta la notte e deve essersi ingoiato un geco), colazione (abbondante, è l'unico pasto buono), piscina (dov'è Francesca?), pranzo (che schifo.. ma dov'è Tanya?), pomeriggio (sono solo, Luca dorme... ma dov'è Nicole?), cena (ancora pasta!!!) e dopocena (ma Francesca si farà il padre dei bimbi stanotte??).

    I BUONI          

I buoni contro i cattivi, ovvero i pelati contro i (finti) cappelloni, ovvero Fabio e Luca contro Marco e Luchino!! Alla fine queste erano le coppie... Marco e Luchino in giro sempre insieme, a legare con animatori e ospiti, ad essere amici di tutti... e Luca e Fabio, tristi, soli, quasi alle lacrime...

 

    I CATTIVI   

La vacanza di Luchino: sveglia (che palle), colazione (devo stare attento ai carboidrati...), piscina (dov'è Camilla?), pranzo (che schifo.. ma meglio così sto attento ai carboidrati), pomeriggio (devo abbronzarmi, devo diventare nero... devo assomigliare ad un piccolo stron... ehm... dov'è Camilla?), cena (ancora carboidrati!!!) e dopocena (wow, inizia il mio show).

La vacanza di Marco: sveglia (mmm... che bella dormita... c'ho la lingua amara... neanche avessi mangiato un geco), colazione (abbondante, è l'unico pasto buono e speriamo che Luchino non rompa le palle coi carboidrati), piscina (dov'è Alessandro?), pranzo (mmm che buono, mai mangiato meglio), pomeriggio (oggi ho il torneo di Beach Volley, pallanuoto, ping pong, rutti e scorregge e se mi rimane un po' di tempo faccio anche GAG ), cena (mmm è ancora meglio del pranzo, speriamo solo che il nano non rompa i coglioni con i carboidrati) e dopocena (ma Luchino si metterà la coppolina anche stasera?).


Gli animatori

 

       

Come in ogni villaggio che si rispetti ci sono gli istruttori di diving per farti ammirare i paradisi subacquei, mille camerieri pronti ad eseguire le tue richieste e le assistenti per aiutarti, per toglierti i  dubbi e per organizzare le tue escursioni, e... ci sono gli animatori!!! Quella della animatori è la razza più infima di tutte. Di solito sono giovani ragazzi, per lo più appena diplomati/laureati che si guadagnano qualche euro facendo un lavoro facile.. e credendo che questo ruolo li faccia fare facili conquiste.... il problema è che hanno ragione!! Ma quando non ci riescono passano alla fase 2 del loro incarico... rompere le palle!! E le rompono davvero.... la mattina con l'acqua-gym, poi con la pallavolo, poi la pallanuoto, poi la sigla del villaggio, poi quella di Phone&Go e di pomeriggio le stesse cose.... che palle, che stress... ma andate a lavorare va!!!

       

Gli animatori del Sea Life erano: Joy, altrimenti detto "l'eretico de IL NOME DELLA ROSA" che non si capiva cosa ci facesse lì, ma per fortuna si è ammalato e per qualche giorno è rimasto out. Francesco, il capo villaggio... l'unico veramente simpatico, ma per fare il capo così era capace anche mia nonna! Poi c'era Camilla, l'animatrice bonsai, non faceva assolutamente niente, anzi sì... dava racchette e palline da ping-pong, lavoro davvero di responsabilità!!! Quindi Stefano... attore genovese totalmente incapace di recitare, ma molto bravo a... a.... in effetti non sapeva fare un cazzo, poi Alessandro, che fa questo lavoro solo per vestirsi spesso da donna e Francesca la più piccola... quella a qui facevano fare i lavori più pesanti... un po' come facciamo noi col nano.


Gli altri ospiti (altra brutta gente)

 

La vecchia

Maurizia

L'articolo "IL"

Le veline

Arianna, Marianna, Vivianna... o una cosa del genere, era in vacanza da sola... ha provato a rimorchiarci tutti, ma la sua età (58 anni) e l'erpes perenne gliel'hanno impedito!

Torinese fidanzata con un russo gay che giustamente non se la caga più (mamma che odiosa), era la più protagonista di tutti... lei e il tipo con coppolina e gilet!

 Lui: alto, magro e brutto, lei piccola con un fisichino da paura... ma perché lei non è venuta con me e lui non è andato con Fabio???

 E sulla sinistra potete vedere..... LE VELINE!!! Certo ci vuole un bel po' d'immaginazione, ma un cieco, sordo e pure rincoglionito potrebbe davvero scambiarle per quelle originali.

 


Conclusione

 

L'ora X arriva domenica 24 ottobre... alle 12.00. Un aereo della Blu Panorama decolla da una cocente pista egiziana, per atterrare, 4 ore dopo, fra la nebbia della lombardia. Non ho mai desiderato tanto che finisse una vacanza, mai desiderato tanto tornare in Italia... e si che sapevo quello a cui andavo incontro...